Etichettato: yankees

Felix Hernandez eguaglia gli strike out di Randy Johnson nella storia dei Mariners

Annunci

2016 Preview: New York Yankees

Nel Wild Card Game di American League gli Astros eliminano gli Yankees

Jason Giambi si ritira dopo 20 anni di MLB

Yankees scatenati: 3 grand slams in una sola partita non si erano mai visti

C’è sempre spazio per un nuovo record nel meraviglioso mondo della Major League Baseball e ieri il fedele pubblico del Bronx ha potuto assistere ad un vero e proprio festival del Grande Slam, alla faccia della nuova Era dei Lanciatori. Quando la festa è cominciata, nella parte bassa del quinto inning, gli Oakland Athetics conducevano per 7 a 2, con Cliff Pennington (SS, 27) protagonista della prima parte della gara con un doppio e un home run. Ma con le basi piene e un solo out Robinson Cano (2B, 29) deve aver pensato che era proprio il momento ideale per mettere a segno il ventiduesimo homer stagionale e accorciare nettamente le distanze. Nella parte bassa del sesto la sinfonia dei Bronx Bombers comincia a prendere forma e Russel Martin (C, 28), che già aveva battuto un home run due innings prima, segna il secondo incredibile grande slam della serata. Due innings e molti runs dopo, le basi si riempiono di nuovo, e il rilievo Bruce Billings (P, 26), al suo primo anno in MLB, non deve essersi sentito proprio a suo agio sul monte di lancio. Parte bassa dell’ottavo, con il risultato di 17 a 8 per i padroni casa, con due out, la basi piene, e il conto dei lanci sull’1-2, dopo il terzo foul, Billings ha lanciato un’altra fastball, ma Curtis Granderson (CF, 30) ha risposto con il terzo grande slam della partita, segnando un nuovo record. Non era mai successo che una sola squadra ne segnasse 3 in un solo incontro. Finirà 22-9, con gli Athletics già da tempo fuori dai giochi e gli Yankees a seguire a un passo i Red Sox per il primato nell’American League East. “It’s one of those days you know you’re not going to see again, probably,” ha dichiarato Derek Jeter (SS, 37), che ieri si è ‘accontentato’ di un triplo e due singoli,  “Guys swung the bats well up and down the lineup. You can’t explain it.”

Yanks hit 3 grand slams in demolition of A's The New York Yankees became the first team in Major League Baseball history to hit three grand slams in a single game as they took the Ofdfdsakland Athletics to the woodshed … Read More

via The Brawn of Braun

Grazie al walk off di Josh Reddick i Red Sox vincono la serie con gli Yankees

In vantaggio 2-1 al nono inning dell’ultima gara della serie giocata a Boston, i New York Yankees si sono affidati al loro closer Mariano Rivera (P,42), abbastanza sicuri di poter mettere in cassaforte il risultato. Le cose sono andate un po’ diversamente. Un sacrifice fly di Dustin Pedroia (2b, 28) ha permesso a Marco Scutaro (SS, 36), che in precedenza aveva battuto un doppio, di raggiungere casa base e ai Boston Red Sox di continuare la partita agli extra-innings. Dopo aver guadagnato un run contro Rivera, i Red Sox sono tornati più che carichi al loro turno d’attacco nella parte bassa del decimo, fino al walk off di Josh Reddick (RF, 24), che con un singolo sull’esterno sinistro ha fatto segnare il punto decisivo a Darnell McDonald, contro il lanciatore Phil Hughes (P,25), entrato in campo giusto in tempo per farsi addebitare la sconfitta. Grande esultanza del pubblico del Fenway Park e grande soddisfazione per Reddick, un ragazzo in forte crescita, che quest’anno sta anche migliorando parecchio le sue medie. I Red Sox si aggiudicano così per 2-1 una serie cominciata con la sconfitta di venerdì, pareggiata sabato sera grazie a ben 6 RBI di Jacoby Ellsbury (CF,28) e vinta ieri agli extra-innings davanti al pubblico di casa, sicuramente soddisfatto delle emozioni regalategli dal prezzo del biglietto.

Reddick delivers as Red Sox win in extras after solving Rivera Some say baseball is boring. I have friends who believe this. Some games are, some teams are, but the Boston Red Sox-New York Yankees rivalry is far from it. Sunday night’s series finale was a prime example why. The Yankees were ahead 2-1 entering the ninth inning, trying to take back sole possession of first place in the American League East and win … Read More

via Swamigp’s Sports Blog

CC Sabathia, il Big Man degli Yankees che non smette di stupire

Ha parlato di lui anche il Corriere della Sera, un paio di anni fa, ma solo per far notare i suoi chili di troppo, in un commento alla foto del giorno, con una didascalia che recitava impietosamente “lanciatore sovrappeso“. Lanciatore di peso come definizione andrebbe sicuramente meglio, viste le qualità di CC Sabathia (P, 31) oggi più che mai al primo posto nella pitching rotation dei New York Yankees. Nell’ultimo Monday Night giocato a Chicago ha conquistato la sedicesima vittoria in stagione, concedendo in 8 inning solo 2 punti su 10 hits, che forse non sembreranno pochissime, ma con i White Sox bloccati a un misero 1 su 8 con i corridori in posizione punto è difficile non pensare a un certo self control di The Big Man, un uomo che sa sempre quando è il momento tirare fuori il meglio dal suo braccio sinistro. Se è vero che la difesa degli Yankees gli ha dato una mano, con qualche doppio gioco risolutore, i numeri di CC Sabathia sono la dimostrazione della sua continuità. La sua ERA quest’anno è scesa a 2.55 contro una media in carriera di 3.49, mentre le valide concesse sono state 153 in 176.2 inning lanciati. “He’s a true ace, that’s what he is”, parola di Joe Girardi.

C.C. Sabathia is on a roll! The big man won his 16th game of the year last night as he pitched a 3 run 10 hit game. He’s a true ace, that’s what he is,” Joe Girardi said. “He knows how to pitch when he has his great stuff, and he knows how to pitch when he doesn’t have his great stuff. That’s what he did tonight.” Sabathia matched a season-high with 10 hits, and he had some luck on his side on a couple of pivotal double plays, but the bottom line … Read More

via Sparkin’ The Conversation