Etichettato: pirates

I Pirates rimpiazzano Grilli con Melancon nel ruolo di closer

Dopo la sofferta vittoria agli extra innings contro i Cincinnati Reds, in cui Jason Grilli non è riuscito ad ottenere la salvezza per la quarta volta in questa stagione, il manager dei Pittsburgh Pirates, Clint Hurdle, ha deciso di sostituirlo nel delicato ruolo di closer con Mark Melancon. Dopo un 2013 brillante, con 33 saves ottenute su 35 possibilità, le prestazioni di Grilli quest’anno sono state sicuramente più altalenanti, mentre Melancon conquista con merito il ruolo più ambito del bullpen, forte di un ottimo e costante rendimento, che gli ha fatto concedere due soli home runs in 107 apparizioni sul monte di lancio. Quando servirà un mancino, magari al 27mo out, Hurdle potrà giocarsi la carta Tony Watson. Intanto i Pirates sono impegnati al Wrigley Field nella serie contro i Cubs, ultimi nella National League Central. –> Pirates replace Grilli with Melancon at closer

La notte degli errori (sette) dei Pittsburgh Pirates

“La nostra peggiore partita della stagione!” Il commento del manager Clint Hurdle è l’amara conclusione di quella che per i Pittsburgh Pirates, sconfitti in casa dai Chicago Cubs per 12 a 9, è stata davvero una serata no. Di fronte a 32000 tifosi pronti a sostenerli nella corsa alla wild card i famigerati “bucs” sono riusciti invece a rianimare la squadra di Chicago, che veniva dall’ennesima serie di sconfitte. Ben 9 dei 12 runs messi a segno dai Cubs sono il frutto degli errori, ben sette, dei padroni di casa, che hanno sfiorato il loro record negativo, risalente al 1939. Tra lanci fuori controllo di A.J. Burnett e i due misplays in un solo inning dell’esterno sinistro Starling Marte, le cose si sono messe subito male. “Difficile vincere con sette errori”, l’amara dichiarazione di Andrew McClutchen, uno dei protagonisti in negativo della serata. Una parentesi che i Pirates devono ora chiudere in fretta e riprendere la loro corsa ai playoff, dove sarebbe bello rivederli competere per qualcosa di importante (Bucs commit seven errors in ugly loss to Cubs).

L’addio commosso di Jason Varitek, capitano dei Boston Red Sox

Tra un mese compirà 40 anni e negli ultimi 15 è stato catcher e poi anche capitano dei Boston Red Sox. Il ritiro di Jason Varitek (C, 40), quasi un simbolo per la sua squadra, non poteva che essere accompagnato dai ricordi, gli elogi e le commemorazioni di una carriera sicuramente importante, culminata nelle due World Series vinte nel 2004 e nel 2008, quelle che hanno annullato la maledizione del Bambino. 3 volte All Star, solo 3, Gold Glove e Silver Slugger in uno splendido 2005, ma Jason Varitek è stato soprattutto una presenza costante, e rassicurante, col suo guantone da catcher, nello schieramento difensivo dei Red Sox. Johnny Damon, compagno di squadra nelle World Series del 2004, ha commentato: “Mi ha insegnato come essere un leader e mi ha mostrato come essere un campione” (Emotional Varitek calls it a career).

***

Il recupero di A.J. Burnett potrà richiedere anche 3 mesi

Brutte notizie in casa dei Pittsburgh Pirates. La frattura ossea dell’occhio destro rimediata in allenamento da A.J. Burnett (P, 35) richiederà, dopo l’intervento chirurgico, dei tempi di recupero abbastanza lunghi. L’ex yankee, decisamente sfortunato, dovrà quindi rimandare il suo esordio con i Pirates, tornando a disposizione della squadra almeno tra due mesi o, nello scenario peggiore, dodici settimane, perdendo quindi più di un terzo della stagione (Pirates’ A.J. Burnett out 2-3 months, Burnett has eye surgery, will be out 8-12 weeks).

L’Empire State Building con i colori dei Mets per ricordare Gary Carter

Le luci blue ed orange in cima all’Empire State Building hanno colorato il cielo della Grande Mela in memoria di Gary Carter, catcher dei New York Mets che vinsero le World Series del 1986, scomparso il 16 febbraio all’età di 57 anni. Molto ricordato dai tifosi per quel suo singolo, con due out al decimo inning, che diede il via alla spettacolare rimonta in gara 6 contro i Red Sox. Oltre al campionato vinto con i Mets, Gary Carter, soprannominato the Kid fin dai tempi dei suoi esordi con gli Expos, è stato 11 volte All-Star, 3 volte Gold Glove e 5 volte Silver Slugger, entrando nella Baseball Hall of Fame nel 2003, con un consenso del 78% (yahoo!sports)

***

Rod Barajas (C, 37) è già un tipo che ha sempre il sorriso sulle labbra, quando poi si profila l’arrivo nella sua nuova squadra, i Pittsburgh Pirates, del suo vecchio compagno, il lanciatore A. J. Burnett (P, 35), allora gli diventa davvero difficile nascondere l’entusiasmo. Non solo per la gioia di ritrovare in squadra un vecchio amico, ma anche per l’ottimo rendimento che la coppia pitcher-catcher era riuscita a ottenere sul campo dei Toronto Blue Jays. “Every day we worked together, we had a good time” ha dichiarato Rod, e a Pittsburgh si aspettano che i due riescano a ripetersi a quei livelli (mlb.com).

L’inatteso ritorno dei Pirati di Pittsburgh. Sarà vera gloria?

Dopo le 105 sconfitte collezionate l’anno scorso, in pochi avrebbero scommeso sui Pittsburgh Pirates nella corsa ai play off. Eppure, quando siamo ormai oltre la metà della stagione, i redivivi sono ancora lì in cima alla National League Central, a contendere il primato ai St. Louis Cardinals e ai Milwaukee Brewers. Sarà una posizione difficile da mantenere, ma a Pittsburgh sperano che continui la splendida annata di elementi come il pitcher Jeff Karstens, coadiuvato dalle buone prestazioni del bullpen, o il centerfielder Andrew McCutchen, senza dubbio l’autentica star del line-up, che ha già all’attivo 102 valide e 60 RBI. Ma tutto questo basterà per vedere i Pirates giocare nella post season dopo tanti anni di assenza?

Pirates really aren't that good - but they could be. Let me start off by saying that what the Pittsburgh Pirates have done so far is incredible. Nobody could have predicted they would have a winning record at this point in the season, let alone be tied for first in a division everyone assumed the Milwaukee Brewers and St. Louis Cardinals would run away with. They are this year’s Cinderella story. But let’s chill out for a quick second. Are the Pirates really that good, or is the NL Central just muc … Read More

via The Blattcave