Etichettato: athletics

Jason Giambi si ritira dopo 20 anni di MLB

Annunci

La notte di Los Angeles: gli A’s annientano gli Angels e i Dodgers perdono Greinke

Le otto vittorie consecutive per gli Oakland Athletics, di cui sei ottenute in trasferta, sono già un risultato notevole, se poi si considera che le ultime sono state ottenute in casa degli Angels, i favoriti della division, l’entusiasmo dei fans e l’ottimismo del manager Bob Melvin diventano quasi difficili da contenere. “You don’t want to get too greedy in this game” ha affermato il pitcher A.J. Griffin, che alla seconda partenza in stagione, dopo 8 innings e un solo run concesso all’eccellente lineup degli avversari, ha deciso che la sua partita era finita, lasciando l’ultima ripresa a Evan Scribner. Per l’attacco da segnalare le prestazioni di Yoenis Cespedes e Josh Donaldson, che con i loro home runs hanno dato un consistente contributo allo score degli A’s, per la vittoria finale col risultato di 8-1 (16 valide a 5). E se gli Angels si ritrovano a sorpresa all’ultimo posto dell’American League West, anche per l’altra squadra di Los Angeles, i Dodgers, la serata è finita male, nonostante la vittoria sui San Diego Padres. Nella parte bassa del sesto Carlos Quentin viene colpito da un lancio fuori controllo di Zack Greinke e, invece che andarsene in prima base, si scaglia proprio contro il pitcher dei Dodgers, afferrandolo per il collo e causandogli la frattura di una clavicola. Un infortunio che i Dodgers non riescono proprio a digerire. “Now we’re trying to win and one of our aces has a broken collarbone. It’s unacceptable” le parole del terza base Jerry Hairston, che ha commentato con una certa rabbia quanto accaduto sul campo.

L’esule cubano Yoenis Cespedes ha scelto gli Oakland Athletics

Battendo la concorrenza di Marlins, Tigers e Cubs, gli Oakland Athletics hanno annunciato l’ingaggio del dissidente cubano, ex nazionale e campione del mondo Yoenis Cespedes (CF, 27), che dopo avere spostato la sua residenza legale nella Repubblica Dominicana aveva acquisito lo status di free agent. Cespedes ha firmato un contratto di 4 anni per un totale di 36 milioni di dollari. Un investimento importante per un team low budget come gli A’s, che hanno deciso di puntare sulle innegabili qualità di Cespedes, un vero five tool player, oltre che uno dei migliori talenti prodotti da Cuba in questa generazione (sportsillustrated)

***

Qualcosa è sicuramente cambiato in casa dei St. Louis Cardinals. Senza più il manager storico Tony La Russa, ritiratosi dopo l’ultimo trionfo, e il prima base Albert Pujols (1B, 32) accasatosi a Los Angeles, per i campioni in carica si presenta una nuova stagione ricca di sfide e interrogativi. Molto dipenderà dall’apporto che potrà dare al lineup il nuovo innesto Carlos Beltran (CF, 35) e da come il nuovo manager Mike Matheny saprà gestire la pesante eredità lasciatagli dal suo predecessore (mlb.com)

***

Una buona notizia per i fans dei Boston Red Sox: il lanciatore destro All-Star 2010 Clay Bucholz (P, 28) sta finalmente bene e si sente anche meglio, tanto da scommettere di superare quest’anno i 200 innings sul monte di lancio. Nel 2011, a causa dei problemi alla schiena che gli hanno fatto perdere mezza stagione, si era fermato a 82 e 2/3, mentre il suo record in carriera è di 173 e 2/3 innings pitched (hardballtalk).

 

Yankees scatenati: 3 grand slams in una sola partita non si erano mai visti

C’è sempre spazio per un nuovo record nel meraviglioso mondo della Major League Baseball e ieri il fedele pubblico del Bronx ha potuto assistere ad un vero e proprio festival del Grande Slam, alla faccia della nuova Era dei Lanciatori. Quando la festa è cominciata, nella parte bassa del quinto inning, gli Oakland Athetics conducevano per 7 a 2, con Cliff Pennington (SS, 27) protagonista della prima parte della gara con un doppio e un home run. Ma con le basi piene e un solo out Robinson Cano (2B, 29) deve aver pensato che era proprio il momento ideale per mettere a segno il ventiduesimo homer stagionale e accorciare nettamente le distanze. Nella parte bassa del sesto la sinfonia dei Bronx Bombers comincia a prendere forma e Russel Martin (C, 28), che già aveva battuto un home run due innings prima, segna il secondo incredibile grande slam della serata. Due innings e molti runs dopo, le basi si riempiono di nuovo, e il rilievo Bruce Billings (P, 26), al suo primo anno in MLB, non deve essersi sentito proprio a suo agio sul monte di lancio. Parte bassa dell’ottavo, con il risultato di 17 a 8 per i padroni casa, con due out, la basi piene, e il conto dei lanci sull’1-2, dopo il terzo foul, Billings ha lanciato un’altra fastball, ma Curtis Granderson (CF, 30) ha risposto con il terzo grande slam della partita, segnando un nuovo record. Non era mai successo che una sola squadra ne segnasse 3 in un solo incontro. Finirà 22-9, con gli Athletics già da tempo fuori dai giochi e gli Yankees a seguire a un passo i Red Sox per il primato nell’American League East. “It’s one of those days you know you’re not going to see again, probably,” ha dichiarato Derek Jeter (SS, 37), che ieri si è ‘accontentato’ di un triplo e due singoli,  “Guys swung the bats well up and down the lineup. You can’t explain it.”

Yanks hit 3 grand slams in demolition of A's The New York Yankees became the first team in Major League Baseball history to hit three grand slams in a single game as they took the Ofdfdsakland Athletics to the woodshed … Read More

via The Brawn of Braun